La bagna cauda

bagnacauda

Alberto Virgilio, Rime Piemontesi (1904, Lattes Torino)…

Così scrisse:

I l’ài girà. tôirà!L’ài fait passè

Sinquantamila liber e papè

Vivù’ d le smaňe’nt le biblioteche

Lesù storie rômaňe, storie greche

Memorie,bërgamiňe, cômentari,

vôlum e manôscrit rusià dai giari…(….)

gnun a cônoss ël nom

dël grand, drandissim om;

verô benefatôr ‘ d l’umanità.

J’è nen ‘ na pera, un roc, côn l’iscrissiôn:

QUI NACQUE …CÔL ‘D LA BAGNA D’J PÔVRÔN (….)

Ci vorrebbe una statua per una simile invenzione;invece non si sa neppure il nome del genio che ha inventato la bagna dei peperoni (….)

Se  però è vera l’ipotesi di una colonia greca nel Piemonte meridionale, è quasi certo che da questa via sono giunti con i primi Romani nella nostra regione oltre che la vite e il vino anche l’ispirazione per la tradizionale Bagna Coôda considerato il piatto più tipico e caratterizzante della cucina popolare piemontese.

L’accostamento è ardito ma nella cucina romana esisteva una salsa, chiamata GARUM o liquamen, preparata con scarti di pesce salati e lasciati a macerare a lungo con spezie.

Ci è dunque lecito vedere in questo costante uso romano di salse a base di pesci salati l’idea piemontese (anomala per un paese che non confina con il mare) di utilizzare le acciughe conservate sottosale per preparare una salsa con la quale accompagnare quasi tutti i tipi di verdure perfezionandola utilizzando la “spezia” che avevano più a portata di mano cioè l’AGLIO.

Dal 1° Novembre  fino a fine mese

Menu della serata

Brodo ristretto di bue alle spezie
(per preparare lo stomaco ad una buona digestione)

Bagna caoda

con tutti gli ortaggi cotti e crudi

Polenta

Funghi

Uova sode

—–

Formaggi assortiti e pane integrale

—-

Uva fresca e pere cotte nel vino

Caffè

Tutto annaffiato da vino Barbera

€ 25,00 a persona

2 Responses to La bagna cauda

  1. Duilio scrive:

    Suggerisco la lettura (istruttiva sulle origini della Bagna caoda) de “Il salto dell’acciuga” di Nico Orengo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>